Vedi profilo

Il silenzio dei lettori sociali - Bùcs - # 8 S2

"Eppure, la vista dei libri a casa di Ludmilla ti riesce rassicurante. La lettura è solitudine. Ludmi
Il silenzio dei lettori sociali - Bùcs - # 8 S2
di Bùcs • Newsletter #37 • Visualizza online
“Eppure, la vista dei libri a casa di Ludmilla ti riesce rassicurante. La lettura è solitudine. Ludmilla t'appare protetta dalle valve del libro aperto come un'ostrica nel guscio. L'ombra d'un altro uomo, probabile, anzi certa, viene, se non cancellata, relegata in margine. Si legge da soli anche quando si è in due. Ma allora, cosa stai cercando, qui? Vorresti penetrare nella sua conchiglia, insinuandoti nelle pagine dei libri che sta leggendo? Oppure il rapporto tra Lettore e Lettrice resta quello di due conchiglie separate, che possono comunicare solo attraverso parziali confronti di due esperienze esclusive?”
Chissà cosa avrebbe pensato il Calvino di Se una notte d’inverno un viaggiatore, del social reading e delle community di lettori: l'intimità richiesta dalla lettura profonda è messa in discussione dai social network di libri?
Aiutateci anche voi a rispondere alla domanda riflettendo su dati e caratteristiche dei principali social network editoriali ma soltanto dopo aver letto il coltissimo Bontempelli in regalo.
Da soli. In silenzio.
Buone e sociali letture.

Social network per lettori
Lettura collettiva da Guinness: 5,754 lettori (quasi tutti militari turchi)
Lettura collettiva da Guinness: 5,754 lettori (quasi tutti militari turchi)
Prima di tutto chiariamo i fondamentali, tentando una definizione.
I social network di libri sono delle piattaforme sociali online dove lettori (e autori) condividono le proprie letture (liste di libri) con l'intera comunità o solo con gli amici, recensiscono le stesse letture (dalla semplice votazione al commento più o meno esteso) e partecipano a gruppi di discussione.
Gli ingredienti e i servizi comuni a queste piattaforme sono:
  • La catalogazione semi-automatica dei libri letti o che si intende leggere
  • Il giudizio sui libri letti
  • La scoperta di libri da leggere tramite algoritmi più o meno sofisticati di raccomandazione
Il primo punto è di grande importanza. A differenza dei social media “generalisti” una delle pulsioni primarie del lettore che decide di partecipare alla community è in realtà il risultato di un'esigenza: tener traccia online delle letture fatte organizzandole in un catalogo. Comodo no?
Dunque nonostante critici ed esperti editoriali arriccino il naso di fronte alle opinioni di questa massa di appassionati lettori, il grande valore di queste piattaforme risiede in altro: nei milioni di cataloghi generati. Una fotografia in tempo reale di quello che hanno letto e stanno leggendo i lettori. Per lo meno quelli più appassionati: i così-mal-detti lettori forti.
Non a caso la più grande di queste piattaforme è stata comprata nel 2013 da Amazon: se conosco i gusti e le intenzioni dei miei clienti, posso suggerire loro i libri più adatti e vendere meglio e in maggior quantità.
Di seguito dati, link e unicità (a nostra discrezione) dei tre principali servizi di social media librari. Naturalmente ce ne sono (pochi) altri ma partite da questi, iscrivetevi (è sempre tutto gratuito) e scegliete voi a quale affidare la memoria delle vostre letture.
E’ il social network librario di gran lunga più amato dagli italiani, nonostante sia stato ideato e fondato a Hong Kong.
Proprietario: Mondadori
Numero di lettori: oltre 1 milione di cui circa 350.000 italiani
Numero di libri catalogati: circa 10 milioni
Numero di recensioni: oltre 8 milioni
Disponibile per: Web, IOS, Android
Unicità: semplice e centrato sui lettori italiani.
Ricchissimo di funzionalità e di dati è il più popolare al mondo. Ma non è disponibile in lingua italiana.
Proprietario: Amazon
Numero di lettori: oltre 80 milioni
Numero di libri catalogati: oltre 2,5 miliardi
Numero di recensioni: 80 milioni
Disponibile per: Web, IOS, Android
Unicità: integrazione con Kindle
Una community internazionale di lettori appassionati e esperti di metadati. Da non perdere la Zeitgeist.
Proprietario: Tim Spalding (majority), AbeBooks, CIG
Numero di lettori: 1,4 milioni
Numero di libri catalogati: 130 milioni
Numero di recensioni: 3,5 milioni
Disponibile per: Web, IOS, Android
Unicità: è possibile collegare il proprio catalogo a TinyCat e trasformare automaticamente la propria lista di libri in un catalogo online dal look e dalle funzionalità professionali

Free Book: La vita operosa
Quello che vi regaliamo oggi è davvero una chicca. Letteratissimo e coltissimo, Massimo Bontempelli studiò al Parini di Milano quando era ancora un liceo esclusivo e duro e si laureò in lettere con una tesi sull'origine dell'endecasillabo. Si sente, si sente questa cultura classica, nelle pagine della Vita operosa. Paura, eh? Di ritrovarvi tra le mani un pomposo e odiosissimo libello ottocentesco. E invece no: è un blog. Se lo copiate e incollate in Wordpress nessuno si accorgerà che è stato scritto quasi cent'anni fa. Provate.
Massimo Bontempelli, La vita operosa, 1921
Tempo di lettura: 4 ore
Voto Medio Goodreads: 4.00 - Anobii: 4.00
Leggi ora:
  • Ebook (gratis su BùcsClub)
Bùcs World
Avete curiosità, richieste, libri introvabili: Scriveteci!
E non dimenticate di scaricare e far scaricare Bùcs dall’App Store (iphone e ipad) e dal Google Play Store (Android).
Ti piace questa newsletter?
Bùcs
di Bùcs

Innovazione, futuro digitale (e non) del libro e della lettura. E un free ebook.

Se non vuoi più questi aggiornamenti, cancellati qui.
Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.
Curato con passione da Bùcs con Revue.